Antonella Boralevi è stata ospite di Io e te, la nuova trasmissione pomeridiana di Rai 1, ed è stata protagonista di un momento di imbarazzo e tensione con il conduttore Pierluigi Diaco. La giornalista ha fatto il suo ingresso in studio presentata dal padrone di casa e, appena le telecamere l’hanno inquadrata, lei ha tirato fuori il suo libro, mostrandolo a favore di obiettivo: “Ti ho portato questo eh, il mio romanzo”, ha detto a Diaco in un tentativo un po’ maldestro di auto-promozione. Il conduttore però, l’ha subito interrotta, replicando perentorio: “Vuoi regalarlo a me in privato o vuoi farlo vedere davanti le telecamere?

A quel punto in studio è calato il gelo e Antonella Boralevi, visibilmente in imbarazzo, ha risposto: “Entrambe le cose”. “Magari questo lo facciamo dopo perché forse è più di buon gusto“, ha detto allora Diaco. Poi, rincarando la dose, ha aggiunto: “Voglio dire alla Boralevi che io avevo già qui il tuo libro, un conduttore si prepara sempre… quindi non c’era bisogno che tu lo portassi. L’invito che tu volevi farti da sola a farlo vedere, io l’avevo già pensato”. Si è chiusa così la questione, tra gli applausi dello studio per il conduttore.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Tito Stagno: “La diretta dello sbarco sulla luna del 20 luglio 1969? La facemmo in mutande”

prev
Articolo Successivo

Caduta Libera, la polemica di Gerry Scotti: “Ai delinquenti voglio vedere le manette ai polsi, fatele vedere”

next