Mi amareggia leggere ancora il suo racconto di quanto ha sofferto per il nostro addio, e so bene che ha sofferto, perché ogni volta viene dato per scontato che invece per me è stato semplice. La crisi e la fine del nostro matrimonio l’ho messa a fuoco io, è vero, ma questo non significa che non abbia patito quanto lui“. A rivelarlo è Tania Paragoni, l’ex moglie dell’inviato di Striscia la Notizia Jimmy Ghione, che in un’intervista al settimanale Oggi ha voluto raccontare la sua verità

Lei e Jimmy Ghione si sono lasciati nel 2016 e, assicura, non c’è mai stato alcun altro uomo alla base della loro rottura:  “A un certo punto qualcosa si è rotto, non mi vedevo più nei panni della moglie totalmente dedita a lui. Avevo voglia di tornare a lavorare e il sentimento che ci ha uniti per 15 anni era diventato affetto, non più amore. Dovevo restare con lui e fingere? Tanti lo fanno, io ne sarei stata capace“, ha raccontato.

“Quando ho capito che era cambiato qualcosa di profondo ne abbiamo parlato. Ho cercato di farglielo capire, gli ho chiesto un po’ di tempo per stare da sola e dopo un periodo di difficoltà lui ha deciso di andarsene da casa – ha aggiunto -. Poi abbiamo fatto una vacanza insieme in Thailandia per vedere se c’era qualcosa da salvare ma non è andata bene. Quello che lui racconta non sono bugie ma non è nemmeno la verità assoluta: è il modo in cui lui ha vissuto la fine del nostro matrimonio e io lo rispetto, ma la verità è che io ho meditato un anno sulle decisioni da prendere e ne ho sofferto“, ha concluso Tania Paragoni.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Io e Te, Gigi Marzullo si racconta e svela il segreto della sua inimitabile chioma

next
Articolo Successivo

David Trezeguet, patente ritirata per guida in stato di ebbrezza. Lui agli agenti: “Pezzenti, poveracci, non guadagnate nemmeno duemila euro”

next