Billy ha 4 anni e sostiene di essere la reincarnazione della principessa Diana, morta in un incidente stradale il 31 agosto del 1997. Il bambino è il figlio del celebre conduttore australiano David Campbell che, insieme alla moglie Lisa, ha raccontato la vicenda ai giornali, spiegando che il piccolo è stato sottoposto anche ad una serie di test per verificare quanto sostiene. Da questi è emerso che Billy conosce perfettamente tutti i dettagli della vita di Lady D e ricorda episodi successi decine di anni prima che lui nascesse. Non solo, sembra ricordare anche il fatale incidente in cui la principessa ha perso la vita: “Quando sua madre gli ha mostrato un’altra foto di Diana lui le ha detto: ‘Qui ci sono io come una principessa. Poi un giorno arrivarono le sirene e io non ero più una principessa’“.

“Tutto è iniziato quando qualcuno ha dato a mia moglie Lisa una cartolina di Lady D. Billy, che all’epoca aveva due anni, la indicò e disse: ‘Guarda, sono io quando ero una principessa’”, ha raccontato David Campbell, come riferisce il Sun. Da quel momento il bambino cominciò a parlare sempre della vita di corte, raccontandola nel dettaglio. Durante alcuni test, il padre gli ha mostrato le foto di alcuni castelli e gli ha chiesto quale fosse quello di Balmoral: senza esitare il piccolo ha indicato quello giusto, la residenza preferita di Diana Spencer durante le vacanze estive.

Ma ciò che ha sconvolto di più la famiglia Campbell è stata la risposta che il bimbo ha dato ad una domanda precisa fattagli dal padre: “Chi altro c’era nella tua famiglia quando eri una principessa?”. E lui ha risposto: “Ho fratelli e sorelle, anche un fratello che si chiama John”. Il dettaglio di John ha fatto rimanere di stucco i coniugi, poiché questo morì nel 1960, addirittura prima che Diana nascesse. I genitori assicurano di non avergli mai parlato né di Lady D né della sua storia: “Potrebbe davvero essere l’essenza reincarnata della Principessa del popolo?”, si chiede David Campbell in una lettera pubblicata su Stellar Magazine.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Filippo Bisciglia rivela: “A 15 anni entrai in coma e vidi quella luce bianca che precede lo stato di morte”

prev
Articolo Successivo

Io e Te, Gigi Marzullo si racconta e svela il segreto della sua inimitabile chioma

next