È l’inizio di una rivoluzione, o quasi. Instagram ha deciso infatti di nascondere il numero dei “like” ricevuti da ogni post. Un grande cambiamento che se non ha ancora raggiunto la vostra bacheca di sicuro è visibile invece su quella dei vostri amici dal momento che si tratta ancora solo di un test per cui ci vorrà del tempo prima che l’applicazione si aggiorni a tutti. In pratica, sotto ogni foto o video non è più visibile il numero dei “mi piace” che quel contenuto ha ottenuto: solo l’utente che lo ha pubblicato può avere avere accesso a tale informazione. Per intenderci, non c’è più differenza tra un post di Chiara Ferragni e quello di un utente qualsiasi: nessuno saprà più quante migliaia di “like” ha ottenuto il primo né, viceversa, quanti pochi il secondo.

Agli utenti coinvolti nel test comparirà un avviso al momento dell’apertura dell’applicazione. L’esperimento era già stato fatto in Canada e oggi è iniziato anche in Italia: non si tratta di una decisione definitiva ma piuttosto una prova per sondare il parere degli utenti.

Certo è che se in futuro la decisione venisse applicata definitivamente, sarebbe una grande rivoluzione per il mondo del marketing digitale e soprattutto per gli influencer che, ad oggi, basano la loro popolarità e il loro guadagno proprio sui “like” ricevuti ad ogni post. “Vogliamo aiutare le persone a porre l’attenzione su foto e video condivisi e non su quanti like ricevono”, ha spiegato Tara Hopkins, head of public policy Emea del social. “Vogliamo che Instagram sia un luogo dove tutti possano sentirsi liberi di esprimersi. Stiamo avviando diversi test in più paesi per apprendere dalla nostra comunità globale come questa iniziativa possa migliorare l’esperienza su Instagram”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Diletta Leotta, “ecco come e quando è nata la storia con il pugile Daniele ‘King Toretto’ Scardina”

prev
Articolo Successivo

La regina Elisabetta cerca un nuovo chef: ecco quanto guadagnerà e quali sono i requisiti richiesti

next