Il conto alla rovescia è iniziato: alle 7 di mattina del 27 luglio 2019, in pieno esodo estivo, l’aeroporto di Linate chiuderà i battenti. Lo stop durerà tre mesi di ed è dovuto a lavori di ampliamento e ristrutturazione, in particolare delle piste di decollo e atterraggio e dell’area imbarchi, per un investimento totale di 48 milioni di euro. Fino al 27 ottobre, tanti milanesi dovranno quindi riscoprire l’altro scalo che serve la città, decisamente più scomodo da raggiungere per chi vive nel capoluogo lombardo: il 90% dei voli che oggi partono e arrivano a Linate verranno infatti trasferiti all’aeroporto di Malpensa. In termini di numeri, questo significa che ogni giorno circa 25mila viaggiatori in più graviteranno sullo scalo di Varese, per un aumento di quasi 1700 voli a settimana. E c’è anche già una data da “bollino nero”: il 2 agosto sono previsti 941 movimenti complessivi e quasi 126mila viaggiatori. Per questo Sea, la Società Esercizi Aeroportuali che gestisce entrambi gli scali, ha organizzato un massiccio piano di trasferimento della forza lavoro, oltre a un potenziamento dei collegamenti verso l’aeroporto. Ecco come cambierà Malpensa in questi tre mesi e quali sono le principali novità per chi deve raggiungerlo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Puglia, 3 anni fa lo scontro tra treni: il video dei famigliari delle vittime. E l’allarme al 113: “Uno scontro, fate presto”

prev
Articolo Successivo

Venezia, scuola agli alunni: “Indicate nel modulo per l’iscrizione se siete rom”

next