Dopo l’inchiesta del sito americano BuzzFeed e la pubblicazione di un audio che testimonia una trattativa tra emissari di Matteo Salvini e alcuni uomini d’affari russi per negoziare un finanziamento milionario di Mosca alla Lega, (smentito dal Carroccio, ndr) c’è poca voglia di parlare tra gli esponenti di governo pentastellati. Nessun commento da parte del vicepresidente del Consiglio, Luigi Di Maio, che fugge via dalle domande al termine del suo intervento alla relazione annuale dell’Inps, senza replicare se chiederà o meno chiarimenti al Carroccio.
Mentre il sottosegretario Vincenzo Spadafora, già entrato in polemica con lo stesso Salvini sul tema sessismo, questa volta non sembra voler alimentare la polemica: “La Lega chiarisca quel che deve chiarire…”, taglia corto. Nessun commento nemmeno dal presidente Giuseppe Conte, che va via dalla Camera senza rilasciare alcun commento sul caso.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Salario minimo, Di Maio: ‘Raggiunto accordo di maggioranza’. Poi la stretta di mano con Fico dopo le tensioni

next
Articolo Successivo

Governo, Spadafora: “Non mi dimetto e non mi scuso con Salvini. Il M5s sui diritti tiene la barra dritta”

next