Il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede ha inviato gli ispettori, guidati dal capo dell’ufficio Andrea Nocera, al tribunale dei Minori di Bologna e, successivamente, hanno avuto un incontro in procura a Reggio Emilia. L’iniziativa, richiesta dal Guardasigilli, nasce in seguito all’inchiesta Angeli&Demoni sul presunto sistema di affidi illeciti di minori. “Stiamo vigilando sull’operato della magistratura e stiamo analizzando i dati che arrivano sul caso”, ha detto il ministro durante il question time. “Stiamo ipotizzando di incrociare i dati che arrivano agli uffici giudiziari per verificare in maniera stringente l’andamento delle situazioni degli affidi ai minori e individuare le situazioni critiche. Non ci sarà nessuno sconto da parte della giustizia“.

Intanto questa mattina, in Tribunale a Reggio Emilia, è stato interrogato il sindaco di Bibbiano Andrea Carletti, attualmente agli arresti domiciliari con le accuse di falso e abuso d’ufficio. Il primo cittadino è stato interrogato dal gip Luca Ramponi e dalla pm Valentina Salvi. Il suo avvocato, Giovanni Tarquini, ha chiesto la revoca della misura cautelare e ha assicurato che il cliente ha fornito chiarimenti sulla sua posizione. Il gip si è riservato di decidere, ma il suo parere è condizionato a quello della pm che si è presa un paio di giorni per decidere. Oggi, oltre al primo cittadino, dovevano essere ascoltati altri sei indagati. Fadia Bassmaji e Daniela Bedogni, coppia omosessuale affidataria di una minore si è avvalsa della facoltà di non rispondere, così come Marietta Veltri, responsabile dei servizi sociali della Val d’Enza. La difesa di Veltri ha chiesto la revoca degli arresti domiciliari.

Subito dopo è stato sentito Claudio Foti, psicoterapeuta del centro di Torino ‘Hansel&Gretel’. Nell’aula, a porte chiuse, Foti, diversamente da quanto appreso in precedenza, ha risposto alle domande del gip e del sostituto procuratore Valentina Salvi. “E’ stata data una lettura distorta della normale collaborazione”, hanno riferito i suoi avvocati difensori Andrea Coffari e Annalisa Guano a margine dell’udienza. “Foti fatturava le sue prestazioni direttamente alle famiglie prese in carico e, di certo, non era a conoscenza delle regole degli appalti in questione”. I due legali avevano già preannunciato di voler chiedere la revoca della misura cautelare degli arresti domiciliari.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Varese, uccise la madre e il marito con dosi eccessive di farmaci. Confermata condanna a 30 anni all’infermiera killer

next
Articolo Successivo

Varese, in quattro picchiano un coetaneo 15enne: condannati per tortura. È la prima volta in Italia

next