Raccontare il raggiungimento di un risultato può essere molto emozionante, specie quando un’azione si concretizza in sostegno verso ragazzi in difficoltà. Cuki “affianca” simbolicamente la cucina dei MagazziniOz, un progetto nato a Torino nel 2014 da un’iniziativa della onlus CasaOz, che comprende una caffetteria, un ristorante e un emporio, un luogo di scambio in cui ogni incertezza e gioia si confrontano quotidianamente con la voglia di imparare e di fare.

Sono queste le emozioni che si provano quando si entra nella cucina dei MagazziniOz, uno spazio di contaminazione dove si intrecciano le storie di persone che con forza, tenacia e resilienza dimostrano che “si può fare” e dove la centralità dell’individuo nella sua formazione sociale, culturale e professionale è un fattore prioritario in ogni attività. Tutto questo è raccontato da “Piccole grandi Storie di Cucina”, micro corti girati all’interno della cucina dei MagazziniOz, con protagonisti i ragazzi che aspirano a diventare cuochi per realizzare il proprio sogno di vita. Grazie anche a Cuki questo percorso sarà più semplice.

I micro corti sono destinati ai canali social e rappresentano il percorso di progettualità tra Cuki e MagazziniOz: un cammino che ha visto il noto brand affiancare i MagazziniOz sin dalla nascita, 5 anni fa. Dal 2014, infatti, Cuki e MagazziniOz hanno deciso di intraprendere un tragitto insieme, un percorso utile per chi è in difficoltà e che possa essere toccato con mano. Aiutare a dare un futuro. È questa in sintesi la progettualità che accomuna Cuki e MagazziniOZ. Per Cuki significa molto e implementa il proprio progetto di responsabilità e restituzione sociale che parte dal recupero del cibo non consumato nelle mense aziendali in collaborazione con la Fondazione Banco Alimentare. A fianco della cucina dei MagazziniOz, Cuki vuole trasmettere anche questo messaggio: il valore del cibo. Aiutare un percorso lavorativo e formativo che ha come ingrediente principale il cibo, sostenendo chi potrà diventarne un giusto interprete, fa parte dell’impegno sociale e del DNA di Cuki.

“È molto emozionante – spiega Carlo Bertolino, Direttore marketing Cuki Cofresco SRL – vivere in diretta l’entusiasmo che questi ragazzi sanno trasmettere nel loro impegno quotidiano. Siamo felici di poter affiancare i MagazziniOz, aiutando simbolicamente la cucina. I micro corti Piccole grandi storie di Cucina, raccontano il percorso di formazione, di inclusione, di ragazzi che riescono a raggiungere un loro sogno. È per noi un piacere poter aiutare questo mondo, essere al fianco dei MagazziniOz, di cui siamo partner dalla loro fondazione, ma soprattutto è bello toccare con mano la quotidianità di questi ragazzi ed essere consapevoli di far parte di un progetto importante e di un percorso sociale utile”.

“Responsabilizzare i ragazzi con disabilità, aiutarli ad acquisire maggiore fiducia in loro stessi, cercando di dare loro una progettualità per il futuro: ai MagazziniOz questo è possibile anche grazie al sostegno delle aziende, alle quali chiediamo di essere continuative nel rapporto con noi – dichiara Luca Marin, Presidente MagazziniOz – la collaborazione che da anni prosegue con Cuki è la dimostrazione che la profit e non profit funzionano perfettamente quando si intersecano grazie a un progetto costruito sugli stessi valori condivisi”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Vino rosso, come potete credere che vi faccia dimagrire?

prev