La Libia? “Non è un porto sicuro, lavoriamo a corridoi umanitari per mettere in salvo i rifugiati da veri e propri campi di concentramento”, spiega il presidente della commissione Affari costituzionali alla Camera, il pentastellato Giuseppe Brescia, nel corso di un convegno alla Camera. Eppure, di respingere la proroga delle missioni internazionali, inclusi gli accordi con la stessa Libia per contenere il flusso dei migranti, non se ne parla: “Lanciare un segnale e stracciare gli accordi? In tutta onestà non è porto sicuro, ma interrompere i rapporti non è possibile. È un Paese strategico, si deve trovare una modalità di cooperazione per mettere in salvo i rifugiati con gli aerei”. Eppure, precisa, non solo in Italia, ma “nei Paesi europei”.  Un ragionamento che Brescia difende: “Un paradosso? No, non è tutto bianco o nero”.

Né Brescia attacca il Carroccio sul decreto Sicurezza bis, dopo aver espresso invece iniziali perplessità ai tempi dell’approvazione a Montecitorio della prima versione, tra i malumori e le assenze nel gruppo M5s. “Non vedo tutti questi rischi. Lo voteremo? Lo perfezioneremo in commissione, poi vedremo”, taglia corto. Al contrario, il presidente della Commissione Affari costituzionali boccia il muro evocato da Salvini e dal governatore leghista del Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga in Slovenia: “Non sta in piedi, assurdo e anacronistico”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Detenuti, Bonafede non firma protocollo tra Comune di Genova e ministero. Al progetto partecipa anche Autostrade

next