“Non è costruendo muri che si gestisce il fenomeno migratorio. Non è così che un grande Paese come l’Italia può pensare di far fronte a un fenomeno epocale. Tutti i muri, infatti, sono destinati a essere superati o abbattuti. Lo dice la nostra storia”. Ad affermarlo è il presidente della Camera Roberto Fico, in occasione del convegno “Corridoi umanitari per un’Europa solidale” che si è tenuto a Montecitorio il primo luglio. La dichiarazione si inserisce nel dibattito – alimentato negli ultimi giorni dal caso della Sea Watch – sulla gestione dei flussi migratori. E domenica 30 giugno, il governatore del Friuli-Venezia Giulia Massimiliano Fedriga, ha dichiarato che “se l’Europa non tutela i suoi confini noi saremo costretti a fermare l’ondata migratoria che avanza attraverso altri Paesi dell’Ue con tutti i mezzi”. E ha annunciato di essere al lavoro per costruire una barriera al confine con la Slovenia.

Secondo il presidente della Camera, invece, una valida risposta al fenomeno migratorio sono i corridoi umanitari: “Sono una misura che consente ai potenziali beneficiari di protezione internazionale, in particolar modo i più vulnerabili, di trovare attraverso canali regolari e sicuri accoglienza e soprattutto integrazione nel nostro Paese”. E poi tira in ballo l’Europa: è necessaria, dice, “la condivisione delle responsabilità e degli oneri relativi ai migranti che, al di fuori dei canali legali, giungano sul territorio europeo soprattutto via mare; ciò sia in termini di operazioni di soccorso, sia con riferimento alla successiva gestione a terra. Occorre, stabilire che chi – rifugiato o migrante – approda in uno Stato membro qualsiasi, va preso in carico dall’Europa nel suo complesso”. 

Roberto Fico chiede, poi, il superamento – “e non la semplice revisione” – del regolamento di Dublino, che prevede che i migranti sono costretti, salvo alcuni casi, a chiedere l’asilo nel primo Paese dove arrivano, e l’automatica redistribuzione dei richiedenti asilo tra tutti i Paesi membri. “Come è noto – afferma – il meccanismo di ricollocazione dei migranti giunti in Italia e Grecia, adottato dall’Unione nel 2015, non è stato attuato da alcuni Paesi. Quei Paesi non possono essere i nostri modelli, perché le loro politiche vanno contro l’interesse dell’Italia. E non solo, vanno contro gli interessi dell’Europa tutta. I comportamenti contro le regole andrebbero quindi perseguiti anche con penalizzazioni di carattere economico, per esempio a valere sui fondi strutturali. Non è accettabile una violazione così grave e manifesta di un atto giuridicamente vincolante dell’Unione”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, Fico: “Sbagliato invocare solidarietà Ue su loro pelle”. E attacca: “Fenomeno non si gestisce costruendo muri”

next
Articolo Successivo

Autostrade, Toninelli: “La revoca delle concessioni riguarda l’intera rete. Lega non faccia l’avvocato dei Benetton”

next