SHELTER: ADDIO ALL’EDEN di Enrico Masi. Con Catherine Wihtol de Wenden, Gabriel James Patiag, Pepsi Italia/Francia 2019, Durata: 81’ Voto 3,5/5 (AMP)

Transitare da un’identità all’altra come da un Paese al successivo, senza sosta, senza potersi permettere di intonare l’anima ai territori e relative culture incrociate. Ma Pepsi è così: infermiera filippina, transessuale eppure musulmana, approda in Europa dopo un lavoro decennale nella Libia di Gheddafi e non ha paura, perché “sono una combattente”. Inseguendo un mito – suo malgrado – della leggenda d’Europa rapita e sedotta da Giove, Pepsi conosce e insegue i suoi diritti umani e civili. Documentario psico-geografico e non di meno socio-politico, Shelter: Addio all’Eden del bolognese (ma dall’anima internazionale) Enrico Masi chiude la sua trilogia dedicata all’impatto dei “mega eventi” sulla contemporaneità e lavora con coraggio e pertinenza sul senso del fuori campo cinematografico applicato alla (e)marginalità dei nuovi migranti. Uno scacco matto alle coscienze tranquille di un colonialismo culturale mai sopito, una riflessione filosofica che si fa gesto poetico dal monito perentorio quanto profetico “Avete colonizzato i nostri Paesi, ora vi occupate di noi come rifugiati. E noi rifugiati avremo un effetto epocale sui vostri Paesi”.

INDIETRO

Film in uscita al cinema, da Il grande salto a Climax e Beautiful Boy: cosa vedere e cosa no

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Franco Zeffirelli, addio al maestro che portò un’idea di regia unica in Italia e fu anche due volte senatore di Forza Italia

next
Articolo Successivo

Franco Zeffirelli, l’ultima intervista all’Ansa: “La semplicità è il segreto per essere felici”. Il regista è morto oggi nella sua villa a Roma

next