CLIMAX di Gaspar Noé. Con Sofia Boutella, Kiddy Smile, Romain Guillermic. Francia 2018. Durata: 90’. Voto: 3,5/5 (DT)

Metà anni Novanta, una quindicina di ballerini di vogue dancing si ritrovano da soli in uno spazio enorme (sala da ballo, corridoi, stanze e bagni) per tre giorni di prove. Nella sala grande tra passi di danza, mosse di anca e bacino, qualcuno ha messo della droga nella sangria. La situazione degenera. Introduzione con una vecchia tv contornata da custodie di film (Zombie, Suspiria, tra gli altri) dal cui schermo i ballerini si presentano. Poi è subito Noè touch: fluido piano sequenza di cinque minuti in pista, una ventina di minuti abbondanti di dialoghi tra convenuti (inquadratura fissa e montaggio sincopato con lampi subliminali intermittenti di schermo nero), e ancora altri piani sequenza per cogliere la degenerazione in follia simbolica e performativa dei protagonisti in movimento. L’operazione programmatica, teorica e stilistica (checché ne dica il regista) è ai limiti della perfezione parossistica. La claustrofobia degli interni del set, illuminati/rabbuiati da una gamma densa e alternata di luci da disco rosse-verdi-gialle-blu, comprime i corpi seminudi in un massacro psicologico e ipnotico di urla, estasi e tormento, fughe abortite. Praticamente Suspiria di Guadagnino senza intellettualismi. Sui significati metaforici della trappola/set/film lasciamo allo spettatore la sua personale interpretazione. Comunque Climax non lascia indifferenti e gli attori nel loro contorcersi, piangere, girovagare di continuo sono davvero pazzeschi.

Film in uscita al cinema, da Il grande salto a Climax e Beautiful Boy: cosa vedere e cosa no

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Franco Zeffirelli, addio al maestro che portò un’idea di regia unica in Italia e fu anche due volte senatore di Forza Italia

prev
Articolo Successivo

Franco Zeffirelli, l’ultima intervista all’Ansa: “La semplicità è il segreto per essere felici”. Il regista è morto oggi nella sua villa a Roma

next