In un evento tenutosi a Milano, Xiaomi ha annunciato una serie di nuovi prodotti, dai telefonini ai monopattini, per assicurarsi nei prossimi mesi tutta l’attenzione del pubblico appassionato di tecnologia. Una presenza, quella dell’azienda cinese, che inizia a diventare molti importante anche in Italia, e che potrebbe ulteriormente rafforzarsi per via dei problemi della concorrente diretta Huawei.

Il primo annuncio riguarda il nuovo smartphone Mi 9T, variante del Mi 9 che abbiamo già avuto modo di provare, seguito dal braccialetto per il fitness Mi Band 4 che attira l’attenzione per il prezzo di 34,99 euro, e dall’Amazfit Verge 2, che è il primo smartwatch non Apple in grado di effettuare una sorta di elettrocardiogramma. Per non farsi mancare nulla, nella carrellata di annunci sono stati protagonisti che gli auricolari senza fili Mi True Wireless Earphones e il monopattino elettrico Mi Scooter Pro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Software Microsoft troppo costosi, il CERN passa all’open source

prev
Articolo Successivo

Vodafone down, problemi di rete in tutta Italia. La compagnia telefonica: “Disservizio risolto”

next