Xiaomi Mi 9 è lo smartphone top di gamma che si è messo in evidenza fin dalla presentazione per il prezzo “basso” di 450 euro. Non in senso assoluto, ma rapportato alla categoria di cui fa parte, in cui è difficile trovare prodotti che all’annuncio costano meno di 900 euro. Dopo l’anteprima in cui vi abbiamo raccontato le prime impressioni, abbiamo fatto una prova approfondita di questo smartphone, scoprendo che è un prodotto molto valido, ma non è tutto oro quel ciò che luccica.

Soddisfa le aspettative di chi cerca un telefono con prestazioni da top di gamma, senza spendere cifre alte. Però il software è ancora da migliorare perché ci sono alcuni problemi che emergono nell’uso quotidiano. Inoltre la qualità fotografica è migliorata rispetto ai predecessori, ma non è ancora al livello di quella dei concorrenti di riferimento.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Il Web ha compiuto 30 anni, ma non è (ancora) lo strumento utile all’umanità che avrebbe voluto il suo inventore

prev
Articolo Successivo

I robot NAO possono aiutare i bambini autistici a comunicare, grazie a un progetto europeo

next