Xiaomi Mi 9 è lo smartphone top di gamma che si è messo in evidenza fin dalla presentazione per il prezzo “basso” di 450 euro. Non in senso assoluto, ma rapportato alla categoria di cui fa parte, in cui è difficile trovare prodotti che all’annuncio costano meno di 900 euro. Dopo l’anteprima in cui vi abbiamo raccontato le prime impressioni, abbiamo fatto una prova approfondita di questo smartphone, scoprendo che è un prodotto molto valido, ma non è tutto oro quel ciò che luccica.

Soddisfa le aspettative di chi cerca un telefono con prestazioni da top di gamma, senza spendere cifre alte. Però il software è ancora da migliorare perché ci sono alcuni problemi che emergono nell’uso quotidiano. Inoltre la qualità fotografica è migliorata rispetto ai predecessori, ma non è ancora al livello di quella dei concorrenti di riferimento.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il Web ha compiuto 30 anni, ma non è (ancora) lo strumento utile all’umanità che avrebbe voluto il suo inventore

next
Articolo Successivo

I robot NAO possono aiutare i bambini autistici a comunicare, grazie a un progetto europeo

next