L’emendamento allo “sblocca cantieri” approntato dalla Lega (non concordato con il Movimento 5 Stelle) prevede lo stop per due anni al ‘Codice degli Appalti‘ una norma che sta creando scompiglio all’interno del governo. “Non stiamo cercando l’incidente per far cadere il governo e far ricadere la colpa sul m5s. Salvini e tutti noi siamo concentrati perché questo governo vada avanti, se fa le cose. Bisogna far lavorare il settore che è bloccato. Chi lavora chiede semplificazione e chiede che non dobbiamo essere più stringenti e punitivi delle leggi europee”.

A dirlo alle telecamere de ilfattoquotidiano.it è Armando Siri, ex sottosegretario al ministero delle Infrastrutture e Trasporti e senatore leghista: “Perché – chiede Siri – il M5s deve dire di no a questo emendamento? Non credo che bloccando il codice degli appalti, torni la grande corruzione in questo settore”. I 5 Stelle devono dire sì all’emendamento della Lega, intenzionata a non ritirarlo,  per far proseguire il governo, con Salvini che continuerà a dettare ed imporre l’agenda di governo? “La domanda mi sembra capziosa, non è vero. Si sta discutendo, ci si confronta e se tutti si muovono nello spirito di fare il bene del Paese, si troverà la sintesi”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Cantieri, l’appello di Conte alla Lega: “Il super-emendamento rischia di creare il caos. Il tempo è poco, mi raccomando”

prev
Articolo Successivo

Sblocca cantieri, Salvini: “Nessuna polemica. Entro oggi pomeriggio accordo, si torna a scavare”

next