Ottava e ultima puntata di EcoFuturo tv, una trasmissione che ci parla di ecologia come una straordinaria opportunità per la salute, l’ambiente, l’ occupazione, i diritti e la pace.

In questo episodio Licia Colò ci parla di mobilità sostenibile; il professor Valerio Rossi Albertini ci presenta i vantaggi del freno magnetico; un servizio sul progetto Restart che in Sicilia punta al recupero delle persone svantaggiate attraverso il recupero delle terre;  Jacopo Fo ci parla, illustrandolo con la sua penna, di risparmio energetico nell’illuminazione pubblica; un estratto del film “Sogni Comuni” realizzato dall’Associazione Comuni Virtuosi; Lucia Cuffaro ci spiega come autoprodurre una pizza senza glutine dalla farine di ceci; un servizio di Italia Che Cambia su Exe, il primo Data Center ecologico in Italia; Michele Dotti ci invita a riflettere sull’informazione, risolvendo il cubo di Rubik bendato in soli 10 secondi; un servizio su PEF, fornitore di energia da fonti rinnovabili; Sergio Ferraris ci accompagna in una riflessione sulla mobilità sostenibile; Fabio Roggiolani analizza i vantaggi delle ecotecnologie presentate in questa puntata.

Si conclude così il ciclo di otto puntate televisive – andate in onda nelle tv del circuito Fox Production & Music – che ci hanno condotto alla sesta edizione di Ecofuturo Festival  (www.ecofuturo.eu) che si terrà a Padova nella splendida cornice del Fenice Green Energy Park dal 25 al 29 giugno 2019, passando attraverso l’uscita della nuova rivista “L’Ecofuturo Magazine”, che potete trovare in edicola da inizio maggio (www.lecofuturomagazine.it).

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Taranto, slittano i dati sui bimbi nati con malformazioni. Perché? La ministra Grillo li pubblichi

next