Si chiama Fabiana Muscas e lavora all’ospedale di Cagliari. È lei la donna che era in compagnia di Marco Carta venerdì sera quando entrambi sono stati arrestati in flagranza per il furto di 6 magliette da 1.200 euro alla Rinascente di Milano. Ma se nei confronti del cantante, vincitore di Amici e Sanremo, il giudice ha disposto la liberazione dopo l’udienza del processo per direttissima, l’arresto della donna è invece stato convalidato.

Muscas – secondo quanto riferisce il Corriere della Sera – è un’infermiera professionale nel reparto cardiologia della struttura ospedaliera Brotzu nel capoluogo sardo. “È lei, l’abbiamo riconosciuta nelle immagini in televisione mentre usciva dal tribunale”, hanno raccontato alcuni suoi colleghi stando a quanto riporta il quotidiano di via Solferino. I due, spiega ancora il Corriere, si conoscono da anni e sono diventati amici dopo la vittoria di Carta a Sanremo.

Il processo per il cantante si terrà a settembre, dopo la mancata convalida dell’arresto, e il vincitore di Sanremo resta indagato per furto aggravato. Stando alla ricostruzione dell’addetto alla sicurezza della Rinascente che ha seguito Carta e Muscas e li ha fermati all’uscita, i due si trovavano alla Rinascente la sera del 31 maggio: una volta raggiunto il camerino “la donna resta fuori e passa le maglie, una per una, al ragazzo all’interno del camerino. Finito di passare gli abiti, la donna dà al ragazzo anche la sua borsa. Il tutto dura qualche minuto”.

Quindi, dopo pochi minuti, e sempre secondo l’addetto alla sicurezza, Carta esce dal camerino ma senza la magliette che “nessuno dei due ha più in mano“: quando i due vengono fermati le t-shirt vengono trovate nella borsa della signora che accompagnava il cantante. I video delle telecamere interne della Rinascente saranno ora fondamentali nel processo per verificare la testimonianza degli addetti alla vigilanza.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Roberto Bolle e Vecchioni sul palco di piazza Duomo: emozione per “Luci a San Siro”

next
Articolo Successivo

Ellen DeGeneres: “Sono stata molestata dal mio patrigno. Mia madre non mi ha creduto ed è rimasta con lui 18 anni”

next