L’ex partito del Nord è il più votato nell’estremo Sud d’Italia. A Lampedusa il partito di Matteo Salvini incassa il primato siciliano: il 45,85 % ha votato Lega. Cinque anni fa, in tutta l’Isola, il Carroccio aveva ottenuto lo 0,86%, alle politiche aveva preso il 5, ora passa al 20,77 perceto. La Sicilia, però, resta a trazione M5s che ottiene il 31,18 per cento, ed è il primo partito in tutte e 9 le province siciliane.  Il movimento di Luigi Di Maio contiene l’avanzata leghista in Sicilia, lasciando, infatti, il partito di Salvini secondo a Catania, Palermo, Caltanissetta, Ragusa, Siracusa e Trapani, e staccandolo ad Agrigento, Messina ed Enna, dove al photofinish si piazzano in seconda posizione, sempre dietro il M5s, Forza Italia nelle prime due province e il Pd ad Enna.

Uno smacco doppio, però, Salvini lo assesta nel Messinese dove la Lega è il primo partito a Brolo, paesino sui Nebrodi di 5700 anime (e regno del parlamentare di Fi, Nino Germanà), che ha da poco eletto per la quarta volta a sindaco, l’ex consigliere regionale del Pd, nonché vero e proprio ras del consenso, Pippo Laccoto. La piccola Brolo da sempre divisa tra i Germanà e Laccoto, alle europee registra Lega come primo partito, sebbene di un soffio, ovvero in vantaggio di 30 voti sul Pd e di 127 su Fi, incassando il 25,51 per cento delle preferenze. Rivincita di Salvini su Pd ed Fi, anche a Gela . Dopo la sconfitta alle Amministrative, infatti, la città del Petrolchimico torna alle urne, gratificando stavolta la Lega che risulta il primo partito solo due settimane dopo aver bocciato il candidato del Carroccio, Giuseppe Spata a favore di quello di Pd e Forza Italia. L’ex referente sul territorio di Libera, passato con Salvini, aveva perso la sfida a sindaco contro Lucio Greco. Ancora nel Messines, invece, il Carroccio vede irrobustirsi il consenso a Graniti, paese natìo del parlamentare Carmelo Lo Monte, politico di lungo corso, già vice presidente della Regione nel 1998. Nato politicamente nella Democrazia Cristiana, Lo Monte è salito sul Carroccio di Salvini solo dopo un lungo peregrinare tra i Popolari, i Socialisti e con il Movimento per l’Autonomia di Raffaele Lombardo. Approdato alla Lega già per le politiche del 2018, quando la Lega incassò  il 37,25 per cento: adesso segna il 44,97.

La Valle del Mela premia invece i 5 stelle che risultano primi in quasi tutti i comuni in cui ricadrebbe l’inceneritore bocciato dal ministro dell’Ambiente, Sergio Costa. Il M5s è infatti il primo partito a Milazzo, Pace del Mela, San Filippo del Mela, Gualtieri Sicaminò e Santa Lucia del Mela. Non un granché sembra invece aver fruttato l’appoggio elettorale di Francantonio Genovese al candidato del carroccio Angelo Attaguile, che nel Messinese, dove l’ex parlamentare gode di una pluridimostrata forza elettorale, raccoglie consensi restando, salvo rare occasioni, sempre dietro l’avvocata 40enne di Licata, Annalisa Tardino.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Elezioni europee 2019, il direttore dell’Osservatore Romano: “La paura rende pazzi e spezza i legami”

prev
Articolo Successivo

Europee, Di Battista: “Atteggiamento dell’ultimo mese e mezzo andava assunto prima. Non farlo è stato un errore”

next