Giorgio Gori vince le elezioni amministrative nella città di Bergamo e viene eletto sindaco per la seconda volta consecutiva. Si tratta di un risultato storico per la città orobica, che mai aveva assistito alla riconferma di un primo cittadino da quando, nel 1995, si procede all’elezione diretta dei candidati da parte dei cittadini. Gori ha battuto nettamente, al primo turno, il leghista Giacomo Stucchi, appoggiato anche da Forza italia e Fratelli d’Italia, superando il 55% dei voti contro il 39% del proprio avversario.

“Un risultato inaspettato, bergamasco, molto pragmatico. Ieri sera, guardando i risultati delle Europee sono andato a letto preoccupato. Il risultato va al di là delle attese e si accompagna ad altre vittorie importanti del Pd in molte città d’Italia. Sul territorio ci siamo e siamo saldamente insediati.”

Il primo cittadino ha poi prospettato un possibile futuro del proprio partito a livello nazionale: “Nonostante la ripresa, credo che manchi la capacità di saldarsi con qualcun altro. Penso che non possiamo fare la maggioranza con il M5s, dobbiamo cercare alleati nella società che si identifica con i movimenti civici.”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Livorno, il candidato del Pd apre alla sinistra: “Più forti al ballottaggio”. Romiti (centrodestra): “Noi il cambiamento”

prev
Articolo Successivo

Bari, Decaro esulta: “Non servono miracoli per amministrare bene e dire no alla criminalità organizzata”

next