Quattro candidati del Partito democratico e uno della Sinistra. Sono loro a detenere il “rainbow factor” maggiore, cioè l’indice che evidenzia quanto siano vicini ai diritti Lgbti. A stabilirlo è votoarcobaleno.it, la piattaforma creata da Arcigay per mobilitare tanto i candidati quanto l’elettorato in vista del voto per il prossimo Parlamento europeo.

Il primo in classifica è Daniele Viotti (già co-presidente dell’Intergruppo per i diritti Lgbti del Parlamento europeo e candidato, circoscrizione Nord-Ovest) seguito dai colleghi dem Massimiliano Smeriglio (Centro), Brando Maria Benifei (Nord-Ovest), Roberta Mori (Presidente della Commissione Parità della Regione Emilia-Romagna. Relatrice della legge regionale contro l’omotransnegatività. Nordest) e l’esponente della Sinistra Marilena Grassadonia (presidente dell’associazione Famiglie Arcobaleno dal 2006. Centro).

Sul sito è possibile vedere l’adesione dei candidati e delle candidate alla piattaforma Come Out, elaborata da Ilga Europe (la rete europea delle organizzazioni lgbti di cui Arcigay fa parte) e proposta in tutti i Paesi che in questi giorni sono chiamati a eleggere i propri e le proprie europarlamentari. Il documento, declinato in 5 punti specifici, impegna i firmatari e le firmatarie a lottare per i diritti umani e per l’eguaglianza delle persone lesbiche, gay, bisessuali, trans e intersessuali (LGBTI) dell’Unione Europea e del mondo. Per sottoscriverlo è necessario mandare una mail all’indirizzo [email protected], allungando un breve curriculum e volendo una dichiarazione.

Al momento 25 candidati e candidate hanno già firmato la piattaforma Come Out: sono Daniele Viotti, Roberta Mori, Brando Maria Benifei, Antonio Enrico Morando e Camilla Laureti per il Partito Democratico; Marilena Grassadonia e Ivana Palieri per La Sinistra; Emma Bonino, Giorgio Pasetto, Marco Marazzi, Marco de Andreis e Silvia Manzi per +Europa; Anna Chiara Forte, Annalisa Corrado, Beatrice Brignone, Benedetta Rinaldi, Boro Lo Fatou, Chiara Bertogalli, Domenico Finiguerra, Emanuela Trimarchi, Filomena Pollinzi, Francesca Druetti, Giuseppe Civati, Silvia Parodi, Umberto Zimarri per Europa Verde. Accanto a questa informazione, Arcigay segnalerà, sulla base delle informazioni raccolte dai circoli territoriali, i candidati consigliati e quelli sconsigliati.

Sul versante invece dei candidati unfriendly, il primo della lista è il leader della Lega Matteo Salvini, seguito da Giorgia Meloni (Fratelli d’Italia), Alessandra Mussolini (Frza Italia), Tiziana Beghin (Movimento 5 Stelle) e Agostino Chiglia (Fratelli d’Italia).

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Brexit, Times: “Domani Theresa May annuncia le dimissioni”. Urne aperte nel Regno Unito per le Europee

prev
Articolo Successivo

Domenica si vota, e si vota Europa Verde. Ecco il perché, senza retorica

next