Due quotidiani regionali francesi, Telegramme e La Voix du Nord, hanno rifiutato di partecipare all’intervista collettiva con il presidente della Repubblica Emmanuel Macron. Tutte le altre principali testate nazionali hanno invece scelto di accettare la pubblicazione del colloquio con il leader di En Marche e capo dello Stato. “A cinque giorni dal voto per le Europee avrebbe turbato l’equilibrio della campagna elettorale che noi cerchiamo di tutelare”, ha scritto su Twitter il caporedattore de La Voix du Nord Patrick Jankielewicz. “Inoltre la pubblicazione è sottoposta alla rilettura dell’Eliseo. Quindi non partecipiamo”. Posizione condivisa anche da Hubert Coudurier, direttore del Telegramme: “Non è un atto eroico. Quando viene proposta un’intervista la si può sempre rifiutare”, ha dichiarato.

Proprio la scadenza elettorale – ha poi spiegato il direttore de La Voix du Nord, Gabriel d’Harcourt, alla radio France Info – ha “suscitato dibattito in redazione, perché l’intervista avrebbe rappresentato un impegno del giornale per una delle liste in lizza”. “Se avessimo pubblicato oggi quest’intervista – gli altri candidati avrebbero potuto chiederci nei prossimi giorni di avere lo stesso trattamento. Per rispettare l’equilibrio, abbiamo preferito non pubblicare quest’intervista”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

A teatro si fa il ‘Processo all’Europa’ (e il voto finale non rassicura)

next
Articolo Successivo

Elezioni Europee 2019, l’Olanda va alle urne con sobria indifferenza

next