Nessun passo indietro, nessun mea culpa. Leonardo Di Gioia, assessore regionale all’Agricoltura della squadra di Michele Emiliano, prosegue la sua campagna elettorale in favore del candidato leghista alle europee, Massimo Casanova. E lo fa nel silenzio dello stesso governatore che – almeno pubblicamente – tira dritto. Di Gioia quindi resta dove sta, mentre le polemiche sono montate soprattutto all’indomani della visita del segretario nazionale del Pd Nicola Zingaretti che ha commentato la vicenda con parole che non hanno soddisfatto il Pd locale. In particolare, i consiglieri Fabiano Amati, Sergio Blasi, Napoleone Cera, Gianni Liviano, Ruggiero Mennea e Donato Pentassuglia: “Avevamo sperato in Zingaretti ma nulla di fatto. Il contorsionismo e la convenienza – hanno scritto in una nota – stanno prevalendo. L’assessore Di Gioia deve dimettersi o essere revocato, perché chi gode del nostro appoggio può scegliere di votare chi vuole, fuorché persone candidate in partiti che vogliono ammazzare i cittadini del sud in nome dell’autonomia del nord. Noi non abbiamo una doppia verità, una per il popolo e una per i dirigenti”.

E ancora: “C’è il chiaro tentativo di trascinare la questione sino al 26 maggio, nella speranza di fargli perdere ogni attualità. Sia chiaro, per noi non sarà così. E non per involuti discorsi politicisti, ma per un fatto molto concreto: Di Gioia sta portando acqua al mulino di un partito che con l’autonomia del nord vuole togliere alla Puglia 282 milioni all’anno pensando solo all’Iva sanitaria, e senza dimenticare il grande danno già inflitto alle regioni meridionali con il trasferimento delle centrali idroelettriche alle regioni del Nord. L’assessore Di Gioia, tra l’altro, sostiene candidati di un partito fortemente scettico sull’Europa e lo fa nonostante le regioni del Sud prendano dall’Europa più di quanto versino; sono cioè beneficiari netti. Quasi tutte le imprese, alberghi, attività di commercio, opere pubbliche, percorsi di formazione, ecc. hanno in bella mostra – hanno detto – il cartello in plexiglas che annuncia il contributo europeo attraverso la Regione. Come si fa a fingere che tutto questo non esista e a tollerare, invece, contributi elettorali alla causa della Lega, che è ormai diventata la fabbrica delle paure per lucrare voti? Per questo non possiamo restare in silenzio – hanno aggiunto – né pensare, come sostenuto da Zingaretti, che l’assessore abbia un problema con i cittadini e non con il Pd. E questo perché se un assessore ha un problema con i cittadini e viene sostenuto dal Pd, per i cittadini il problema diventa fatalmente il Pd: come se già – hanno concluso – non ne avessimo abbastanza di nostri”.

Zingaretti, effettivamente, interrogato sulla vicenda di Di Gioia ha mantenuto bassi i toni. “Penso – ha detto – che sia una contraddizione umana, perché trascorre metà della giornata a difendere i pugliesi governando e l’altra metà votando la Lega, un partito contro il Mezzogiorno che prima è venuto qui a chiedere i voti ai pugliesi e poi ha fatto leggi per penalizzarli”. E poi parole morbide anche per il governatore Emiliano: “Da presidente di Regione, se il segretario del mio partito mi dicesse chi devo fare assessore diventerei una furia. Quindi, l’unica cosa che posso dire è che se un assessore di centrosinistra del Sud vota la Lega ha un problema non con il Pd ma con i cittadini che vuole rappresentare. È un po’ come la tela di Penelope: di giorno lavora per costruire e poi votando la Lega lavora per distruggere”. Toni – insomma – che non hanno spento le polemiche. Intanto mancano pochi giorni alle elezioni di domenica 26 maggio e Di Gioia ha portato a termine la sua campagna elettorale in favore di un leghista dalla poltrona di assessore della giunta Emiliano.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Elezioni europee 2019, in Puglia l’assessore di Emiliano (Pd) sostiene la Lega. I dem: ‘Incompatibile con suo ruolo’

prev
Articolo Successivo

Puglia, assessore Pd sostiene Lega alle Europee: verso mozione di sfiducia di tutto il gruppo consiliare democratico

next