Mai fidarsi delle foto su Internet. Ne sa qualcosa un tifoso del Tottenham che ha prenotato last minute su Airbnb una camera ad Amsterdam per la sera della partita di Champions League con l’Ajax. “Casa pulita con bagno privato a 130 euro a notte” si leggeva nell’annuncio pubblicato sulla piattaforma di hosting e così non ci ha pensato due volte e ha prenotato. Una volta arrivato sul posto però, ha trovato una brutta sorpresa: l’alloggio da lui prenotato era infatti un container commerciale arrugginito, lasciato illegalmente sul ciglio di una strada, come riferisce il Daily Mail che dà la notizia.

Non solo. Ben Speller, il malcapitato tifoso, ha anche ricevuto al momento una chiamata dal proprietario della “casa”, in cui gli spiegava che “potrebbero esserci problemi con l’acqua corrente“, ma “non poteva dargli alloggi alternativi”. “Ho fatto per tre volte il giro dell’isolato con il taxi – ha spiegato Speller al Daily Mail – ma l’unica cosa che notavo a quell’indirizzo era il container. E mi dicevo: ‘Dai, non è possibile!’. Poi ho aperto la porta, ho dato un’occhiata all’interno e ho deciso di prenotare un albergo“. Nonostante le sue rimostranze il proprietario della casa si è rifiutato di rimborsargli la cifra pagata per il container.

Immediato è scattato però l’intervento di Airbnb ha comunicato ufficialmente di “aver risarcito il signor Speller dei 130 euro persi per la truffa, aggiungendo anche i 260 euro spesi per l’albergo”, oltre ad “aver chiuso l’account e le inserzioni fraudolente del signor Jacob, perché la nostra piattaforma non tollera in nessun modo i truffatori“. La polizia della capitale olandese, invece, ha aperto un’indagine sulla vicenda e ha scoperto che il container era parcheggiato su suolo pubblico senza alcuna autorizzazione. In più, i poliziotti hanno trovato un altro container parcheggiato a pochi isolati di distanza, appartenente alla stessa persona. Anche il nome del proprietario, tale “Jacob”, era uno pseudonimo utilizzato dal truffatore, sul quale adesso la polizia olandese sta indagando.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ordina un vino rosso e per sbaglio gliene arriva uno da 5mila euro

prev
Articolo Successivo

Ragazza di 19 anni attirata in una trappola mortale: la strangolano e le prendo in bambino che portava in grembo

next