È morta Grumpy Cat, la “gatta arrabbiata” diventata una vera star del web grazie ai meme con la sua (presunta) espressione corrucciata. Aveva 7 anni e nel settembre 2012 era diventata famosa online quando una sua fotografia da cucciola era stata pubblicata su Reddit. Migliaia i messaggi di condoglianze che i fan della gatta, il cui vero nome era Tardar Sauce, hanno pubblicato su Twitter dopo l’annuncio della sua scomparsa dato dalla famiglia con cui viveva in Arizona. “Abbiamo il cuore spezzato in modo inimmaginabile nell’annunciare la perdita della nostra amata Grumpy Cat”, hanno scritto i familiari. Nel corso degli anni, la celebre felina è stata fotografata anche con star umane, tra cui Stan Lee e Jennifer Lopez. Il decesso è stato causato da complicazioni di un’infezione del tratto urinario.

“Oltre a essere la nostra bambina e un’amata componente della famiglia, Grumpy Cat ha aiutato milioni di persone a sorridere in tutto il mondo, anche in tempi difficili. Il suo spirito continuerà a vivere attraverso i suoi fan”, ha scritto la famiglia. All’origine della sua piccola taglia e dell’espressione che l’ha resa famosa sarebbe stato il nanismo felino. La sua popolarità è evidente sui social media: il suo profilo Facebook ha 8,5 milioni di follower, quello Instagram 2,5 milioni e quello Twitter 1,5 milioni. Tanto che lascia un patrimonio che ammonta a circa 100 milioni di dollari.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Some days are grumpier than others…

Un post condiviso da Grumpy Cat (@realgrumpycat) in data:

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Festival di Cannes, Bella Hadid e Carla Bruni fanno una foto insieme: la somiglianza è impressionante

next