Ordina una bottiglia di Chateau Pichon Longuevill Comtesse de Lalande del 2001 ma il cameriere gliene porta una di Chateau Le Pin Pomerol, sempre del 2001. Un errore non di poco conto dal momento che quella ordinata dal cliente aveva un prezzo di circa 300 euro mentre quella che gli è arrivata costava, a sua insaputa, 5mila euro ed era inserita nella sezione “rarità” della carta dei vini del ristorante. È successo nell’esclusivo ristorante Hawksmoor di Manchester che ha raccontato l’accaduto sul suo profilo Twitter rivolgendosi al cliente fortunato: “Al nostro cliente che l’altra notte ha ricevuto per errore uno Chateau Le Pin Pomerol 2001, del valore di 4.500 sterline diciamo: speriamo tanto che tu abbia gradito la serata“.

Non è chiaro infatti se il commensale si sia accorto dell’errore, comprendendo di aver bevuto un vino rosso molto pregiato, né abbia saputo il costo della bottiglia dal momento che al momento del conto la cosa non gli è stata fatta notare. L’errore, probabilmente dovuto alla confusione del nome scritto sulle etichette, non ha avuto conseguenze per il cameriere. “Al membro dello staff che l’ha accidentalmente dato via, su! Gli errori una volta ogni tanto possono capitare e noi ti vogliamo bene comunque” ha precisato infatti il proprietario del locale nel tweet aggiungendo una faccina che fa l’occhiolino. Sempre il proprietario del locale ha pubblicato poi una foto delle due bottiglie di vino confuse tra loro scherzando: “Si assomigliano non è vero?“. Una infatti ha l’etichetta rossa, l’altra invece dorata e anche nella grafica differiscono alquanto.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ashley Massaro, è morta l’ex star del Wrestling e modella di Playboy: è giallo sulle cause della morte

next
Articolo Successivo

Amsterdam, prenota una camera su Airbnb per la partita di Champions League: quando arriva trova un container

next