Il nuovo record mondiale per un’opera dei maestri dell’Impressionismo va a un dipinto di Claude Monet (1840-1926) appartenente alla serie “Les meules’ (I Covoni).  Dopo una gara al rialzo, durata 8 minuti con i rilanci di sei collezionisti, la tela del 1890 è stata aggiudicata ieri sera a New York, alla “Evening Sale” di Sotheby’s dedicata all’arte moderna e impressionista a 97 milioni di dollari, cifra che con i diritti ha toccato i 110.747.000 di dollari (il doppio della stima di partenza). È, dunque, il nuovo primato d’asta per l’artista ma anche per qualsiasi opera impressionista. Il nuovo acquirente è un collezionista che ha richiesto di restare anonimo. La tela, che mostra nella luce soffusa di un tramonto in campagna i mucchi di fieno che si stagliano come colline all’orizzonte, si distingue anche per la sua illustre provenienza, essendo stata acquisita dai ricchi collezionisti di Chicago, i Potter Palmer, direttamente dal mercante dell’artista nel 1892, Paul Durand-Ruel.

La serie dei “covoni” conta 25 tele in tutto; solo 8 sono tuttora in mani private, mentre le restanti 17 si trovano nelle collezioni di importanti istituzioni pubbliche, tra i quali il Musée d’Orsay di Parigi, il Metropolitan Museum of Art di New York, l’Art Institute di Chicago e la National Gallery di Scozia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Oliviero Toscani è un magnifico fallito?

prev
Articolo Successivo

Thomas Harris, dopo 13 anni l’autore di Hannibal Lecter rompe il silenzio: esce “Cari Mora, storia di un’oscura ossessione”

next