Archie Harrison: è questo il nome scelto dal principe Harry e da Meghan Markle per il loro primo figlio nato il 6 maggio scorso. Un nome che rompe con la tradizione della Famiglia Reale britannica e che ha lasciato tutti di stucco, spiazzando i bookmakers. Così, subito in molti hanno iniziato ad interrogarsi sulla sua provenienza e, dall’omaggio a Lady Diana al riferimento a parenti lontanissimi fino alla citazione di un fumetto americano, sono tantissime le ipotesi avanzate nei giorni scorsi dagli esperti di vicende reali. La vera ragione però, sembra essere un’altra: come riporta il Daily Mail infatti, un amico intimo della Duchessa ha rivelato che Meghan ha scelto questo nome ispirandosi al suo defunto gatto. Archie, questo era infatti il nome del felino, è morto poi a causa di una scorretta alimentazione: “Meghan amava giocare con il gatto e parlava sempre di lui con i suoi amici. Non sorprende che abbia chiamato suo figlio Archie. Lei adorava quel gatto ma gli dava da mangiare solo chicchi di uva congelata”. 

Secondo quanto ha raccontato la fonte al tabloid britannico infatti, Meghan avrebbe raccontato agli amici che il gatto, salvato dalla madre e adottato dalla famiglia, era ingrassato a causa di una nutrizione a base esclusivamente di uva e che poi era morto quando lei frequentava la Northwestern University di Chicago: “Il gatto adorava l’uva, e Meghan gliene dava a chili“, ha spiegato. Come riporta The Sun, il nome del gatto si ispirava a sua volta ad un fumetto americano, Archie Comics, da cui è stata poi tratta la serie televisiva per adolescenti Riverdale: il nome del protagonista della serie si chiama infatti Archie Andrews.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Prova a mangiare un polpo vivo ma il polpo si ribella

prev
Articolo Successivo

Professoressa bacia un suo alunno sedendosi sulle sue ginocchia: licenziata

next