Colpito al volto con l’acido dalla ex fidanzata. Così un 30enne è rimasto gravemente ustionato al viso e al torace e rischia di perdere un occhio dopo essere stato colpito al volto. Secondo le prime ricostruzioni, i due avevano litigato in strada nella tarda serata di ieri a Legnano, nel Milanese. Sara Antonella Del Mastro, di otto anni più grande, si è poi costituita ai carabinieri ed è stata arrestata per lesioni personali gravissime e atti persecutori. Secondo quanto ricostruito, l’uomo aveva sporto denuncia per stalking perché la donna da diverso tempo lo tempestava di telefonate, lo minacciava e infine gli aveva tagliato le gomme dell’auto. A quanto emerso, i carabinieri hanno trasmesso alla procura di Busto Arsizio la denuncia che era al vaglio del magistrato assegnato ai casi dei cosiddetti “soggetti deboli”. La trasmissione televisiva Le Iene ha comunicato inoltre di aver incontrato la donna qualche giorno fa per convincerla a smettere la violenza.

La donna non accettava la fine della storia
Secondo quanto scrive Il Giorno, la donna non accettava la fine della loro storia. Il ragazzo era uscito dal lavoro intorno alle 20.30 e, come ha raccontato a Le Iene, subito si era reso conto di essere seguito in auto dalla sua ex Sara. Aveva deciso di andare verso casa con il fratello gemello e la madre che attendevano per sicurezza davanti al portone. Poi ha raccontato che lei si è avvicinato “per chiedere scusa”. A quel punto gli ha rovesciato addosso un flacone di acido, provocandogli ustioni di terzo grado al volto, al torace e alle mani e ricavandone ustioni di secondo grado alle mani anche lei. È stato il fratello gemello di lui a chiamare il 118: ha soccorso il 30enne e l’ha portato all’ospedale di Legnano. La donna ora si trova in carcere.

“Sui social lo minacciava di morte”
Proprio la vittima aveva chiamato nei giorni scorsi la trasmissione Le Iene. Secondo quanto scrive il programma televisivo, il 30enne aveva raccontato: “Dopo che ho deciso di lasciarla, mi mandava in continuazione messaggi, dalla mattina alla sera”. “Nonostante io sia riuscito a bloccarla, lei mi telefonava con l’anonimo oppure cercava di agganciarmi sulle chat usando falsi profili“- continuava il racconto – “attraverso cui mi insultava con frasi come ‘stai attento a cosa fai’, ‘qualcuno prima o poi te lo mette in culo”. Addirittura, secondo il 30enne Sara era arrivata ad una minaccia ancora più pesante: “uomo morto”. Sui social erano comparsi anche falsi profili dell’uomo. Profili che lo minacciavano pesantemente: “uomo avvisato sei morto”.

Le Iene: “Aveva fatto intendere di volersi rassegnare”
Secondo il racconto della trasmissione televisiva, l’ex fidanzato aveva deciso di incontrarla di persona. E lei stessa, registrata a sua insaputa, aveva ammesso lo stalking: “Volevo che passassi un quarto del male che avevo io dentro”. La ragazza aveva addirittura raccontato di aver “assoldato”  un uomo siciliano che “arriva dai bassifondi”. In un successivo incontro di spiegazioni, un’inviata del programma aveva chiesto la causa delle azioni che aveva appena ammesso. A quel punto Sara aveva spiegato: “Era l’unica persona buona in tutto lo schifo che avevo avuto. È la prima delusione forte. È stata la delusione del ti adoro facciamo una famiglia e poi?”. Poi la donna aveva negato di voler “farlo fuori” e, prima di congedarsi, aveva fatto intendere di volersi rassegnare. Ma non ha tenuto fede alle promesse.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vergato, Pillon contro la statua di Ontani: “Un satanasso da ricoprire con una colata di cemento”. Ma è un fauno

next
Articolo Successivo

Lodi, il volo del suv Jaguar sulla siepe: il video dell’incidente ripreso dalle telecamere di una stazione di servizio

next