Il primo maggio era stato notato da alcuni clienti del centro commerciale Il Gigante di La Loggia, in provincia di Torino: sedeva tra i cartoni all’esterno della struttura, sembrava star male. Per questo motivo qualcuno ha chiamato un’ambulanza, che nonostante i suoi continui dinieghi lo ha comunque portato all’ospedale Santa Croce di Moncalieri. Qui l’uomo, che non aveva con sé documenti e che secondo le prime indicazioni potrebbe essere un clochard, è stato visitato dal personale medico. Dopo visite dalle quali non sono emerse patologie, i dottori gli hanno offerto la colazione e lo hanno invitato a trattenersi. Lui, però, ha deciso di allontanarsi, per poi tornare in sala d’attesa qualche ora dopo. Il mattino seguente è stato trovato seduto su una sedia, con la testa appoggiata al muro, ormai privo di vita.

A notarlo, verso le 9 del 2 maggio, un familiare di un paziente. La notizia è stata riportata nelle pagine torinesi del quotidiano La Stampa. Al momento non si conoscono ancora identità e domicilio dell’uomo e la procura ha aperto un’inchiesta, disponendo una serie di accertamenti medico-legali: il fascicolo non ha indagati né ipotesi di reato. Sarà l’autopsia, del resto, a chiarire l’esatta causa della morte dell’uomo. Dai primi accertamenti del medico legale a provocare il decesso potrebbe essere stato un collasso respiratorio. Per quanto riguarda l’identità della vittima, al vaglio dei militari ci sono anche le denunce di scomparsa. La salma si trova nella camera mortuaria dell’ospedale a disposizione dell’autorità giudiziaria.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Napoli, operata la bimba di 4 anni ferita durante un agguato: è gravissima

prev
Articolo Successivo

Genova, tensioni alla commemorazione di Ugo Venturini. Polizia carica manifestanti antifascisti

next