“La grande sfida è la manovra di autunno, dove si devono trovare le risorse. Forse è arrivato il momento di un bagno di realismo per il Paese“. A rivendicarlo il presidente di ConfindustriaVincenzo Boccia, tornato ad avvertire il governo M5s-Lega. “È evidente che nei decreti crescita ci sono cose che abbiamo condiviso. È evidente che è un piccolo passo, un cambio di guardia”, ha aggiunto, nel corso di un incontro fra Forza Italia e i rappresentanti delle associazioni di categoria, a Roma.
Ad attaccare l’esecutivo dal fronte azzurro è invece l’ex capogruppo alla Camera Renato Brunetta: “Siamo in stagnazione, se non in recessione, a settembre servono 40 miliardi, 23 per neutralizzare l’aumento dell’Iva e gli altri per fare politica economica. Ma queste risorse non ci sono. Siamo al disastro della nostra politica economica”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sanità, il decreto Crescita tratta i fondi privati alla stregua di un oratorio. E li favorisce

next
Articolo Successivo

Crescita, Sapelli: “Gomez? Ha ragione. La cultura cambia le cose, l’economia no”. Stoccata a Di Maio

next