E alla fine a Cannes 2019 arriverà pure Quentin Tarantino. È stata una corsa fino all’ultimo fotogramma (in pellicola) da stampare e ristampare. L’ufficialità della copia in 35mm che verrà proiettata come gli altri titoli di Tarantino a Cannes in pellicola, sembra infine essere arrivata in un comunicato in cui si annuncia che Once upon a time in Hollywood, la rivisitazione vintage della Hollywood anni settanta del regista di Pulp Fiction, sarà in Concorso sulla Croisette.

“Temevamo che il film non fosse pronto per maggio, ma per fine luglio”, ha spiegato il delegato generale del festival, Thierry Fremaux – ma Quentin Tarantino, che non ha lasciato la sala di montaggio negli ultimi quattro mesi, è un vero, leale e puntuale figlio di Cannes!”. A dire il vero, però, il comunicato ufficiale della kermesse cannense continua così: “Come per Inglourious Basterds sarà (Tarantino ndr) sicuramente a Cannes, 25 anni dopo la Palma d’oro per Pulp Fiction, con un film finito e proiettato in 35mm e il suo cast al seguito (Leonardo DiCaprio, Margot Robbie, Brad Pitt)”. Fremaux aggiunge anche ringraziamenti assortiti da vecchio amico di Quentin anche “al suo team per aver passato giorni e notti nella sala di montaggio” e “in modo particolare al team di Sony Pictures, che ha reso possibile tutto ciò”.

Ora, proprio ad essere pignoli quel “sarà sicuramente a Cannes” non ha proprio lo stesso significato di “è ufficialmente in Concorso a Cannes”. Ma tant’è, lasciamo che Cannes festeggi il vero colpaccio dell’edizione 2019. Perché il decimo film di Tarantino, grazie al cast stellare (DiCaprio non va mai a nessun festival) sarà il vero evento di una Cannes zeppa di grandi maestri (Loach, Almodovar, fratelli Dardenne, Malick) ma forse priva di un hype cinefilo un po’ più pop. L’annuncio di Tarantino a Cannes arriva nelle ore in cui diverse testate indie statunitensi rilanciano la possibilità di The Hateful Eights ridotto a miniserie per Netflix. Once upon a time in Hollywood uscirà negli Usa il 26 luglio 2019 e in Italia il 19 settembre. Un’ultima curiosità: sulla rigorosissima pagina “release dates” di IMDB del film la world premiere a Cannes piazzata lì da mesi è sparita da qualche settimana. Ulteriore postilla: Fremaux ha annunciato anche che in Concorso entrerà Intermezzo, l’ultimo film di Abdellatif Kechiche, però sarà in visione in uno degli slot degli ultimi giorni “in modo che il DCP arrivi in tempo” visto che il team di Kechiche (che è poi Kechiche stesso) “è ancora in fase di montaggio e nel bel mezzo delle modifiche”. Un ulteriore corsa contro il tempo, e contro il dubbio, non proprio di casa a Cannes.

 

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Stanlio e Ollio, incasso migliore dopo Avengers. E lo sceneggiatore di Montalbano: “No, ma parlatemi ancora degli effetti speciali…”

next
Articolo Successivo

Star Wars, è morto l’attore Peter Mayhew. Interpretò Chewbecca dal 1977 al 2015

next