Il film Stanlio e Ollio sfonda al box office italiano e lo sceneggiatore del Commissario Montalbano lancia la sfida agli Avengers. È bastata la giornata di festa del primo maggio per far raggiungere al crepuscolare e garbato lavoro di Jon S. Baird sul duo comico statunitense un molto onorevole secondo posto negli incassi Cinetel. 233mila gli euro con circa 34mila spettatori paganti per Stanlio e Ollio: trentamila euro in più di Ma cosa ci dice il cervello?, campione d’incassi con Paola Cortellesi; e circa un settimo dell’incasso di Avengers: Endgame (1.711.678 euro solo il primo maggio).

Il distributore italiano Lucky Red può festeggiare, ma la stoccata di Francesco Bruni, autore degli script di Montalbano in tv e regista di Scialla! sulla sua pagina Facebook fa discutere. “Veder ballare Stanlio & Ollio (veri e magnificamente interpretati) al cinema, con la sala piena che ride e si commuove. No, ma parlatemi ancora degli effetti speciali a tonnellate che vi godete da soli sul televisore di casa. Vi ascolto”. Sarcastico finché si vuole, ma assolutamente chiaro.

Le sale cinematografiche si riempiono anche con film semplici, privi di ritocchi ipertecnologici in post produzione. I follower di Bruni mettono centinaia di like al post e in molti elogiano la capacità di Baird&co. di aver ricreato un’atmosfera malinconica sul set, tra palchi teatrali e relativi camerini in cui lavorano gli stanchi e anziani Laurel ed Hardy, senza dover ricorrere a chissà quali budget in CGI. Non un vero e proprio guanto di sfida quello di Bruni lanciato sul terreno degli incassi (i supereroi si sa, hanno parecchi superpoteri…) ma uno spunto di riflessione e di resistenza del vecchio cinema novecentesco rispetto a quello ultramoderno della Marvel, come di allontanamento del definitivo funerale dello schermo cinematografico sostituito da quello di tv e pc.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Festival di Cannes 2019, la regista Alice Rohrwacher in giuria per l’assegnazione della Palma d’oro

prev
Articolo Successivo

Cannes, corsa all’ultimo fotogramma ma il film di Tarantino con Leonardo DiCaprio e Brad Pitt è in concorso

next