La regista Alice Rohrwacher è nella giuria del Festival di Cannes 2019 che assegnerà la Palma d’oro (14-25 maggio). Presieduta dal regista, sceneggiatore, produttore messicano Alejandro Gonzalez Iñarritu la giuria è ora al completo: ad assegnare i premi l’attrice americana Elle Fanning, l’attrice e regista del Burkina Faso Maimouna N’Diaye, la regista americana Kelly Reichardt, il regista, sceneggiatore e montatore francese Robin Campillo, il regista greco Yorgos Lanthimos, quello polacco Pawel Pawlikowski, oltre al cineasta e fumettista francese Enki Bilal.

In concorso Il Traditore di Marco Bellocchio accanto a grandi “senatori”: Malick, Loach, Dolan, Almodovar, i fratelli Dardenne e naturalmente Jarmusch (Qui tutto il programma). Ed è per questo che il presidente Pierre Lescure e il delegato generale Thierry Frémaux possono dire: “La giuria di Cannes è invitata a vedere i film diretti dai più grandi registi del nostro tempo – come è il caso quest’anno. Anche tutti i registi che selezionati nel concorso devono sapere che saranno considerati da colleghi altrettanto forti!”.

Alice Rohrwacher è una ‘pupilla’ sin dal suo primo film Corpo Celeste proiettato nel 2011 alla la Quinzaine des Réalisateurs. Poi nel 2014 il secondo film, Le Meraviglie, con la sorella Alba e Monica Bellucci presentato in concorso e vincitore del Grand Prix. Anche il terzo film è andato con onore a Cannes: Lazzaro Felice, 2018, vincitore del premio per la migliore sceneggiatura.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sergio Leone, 30 anni fa la morte del regista. In un libro intervista le “insolenze” di un grande cineasta

next
Articolo Successivo

Stanlio e Ollio, incasso migliore dopo Avengers. E lo sceneggiatore di Montalbano: “No, ma parlatemi ancora degli effetti speciali…”

next