Ci risiamo. L’indagato è sempre colpevole se è avversario politico, mentre è sempre innocente e onesto se è del tuo partito. Matteo Salvini anche oggi non si smentisce. Appena scoppiato il caso sanità in Umbria, Salvini e i 5Stelle hanno chiesto a gran voce le dimissioni della presidentessa della Regione, Catiuscia Marini. Semplici indagini e neanche un rinvio a giudizio. Solita questione. Giustizialismo a intermittenza. Da poco era accaduto ai 5Stelle con l’arresto del presidente grillino del Consiglio comunale di Roma per corruzione. Passa poco tempo e oggi, guarda sempre il destino, una pesante indagine si abbatte sul sottosegretario ai Trasporti leghista, Armando Siri.

Reazioni uguali? No. Salvini lo difende a spada tratta e dice che un politico non si può dimettere per una semplice indagine, e a una giornalista che lo intervista le dice: “lei se ha un’indagine in corso mica si dimette”. Barzellette. Il leader leghista si dimentica quello che aveva detto poche ore prima sulle indagini in Umbria. Insomma, coerenza zero e faccia come il fondoschiena. Ormai trattano i cittadini come rincoglioniti funzionali. Forse con parziale ragione, visto certi risultati elettorali. Ma oggi, in prossimità delle Europee, l’alleato di governo della Lega reagisce diversamente: Luigi Di Maio chiede le dimissioni di Siri e Danilo Toninelli pare abbia ritirato le deleghe. Una cosa logica, ma con tanti punti contraddittori anche qui. Di certo anche i 5Stelle non si sono comportati coerentemente con i propri: basta ricordare le indagini e i processi in corso contro sindaci grillini e contro lo stesso Salvini.

Siamo di fronte a una banale strumentalizzazione elettorale. Un governo del fallimento in tutti i sensi. Perché bisogna decidersi una volta per tutte. O si è garantisti sempre o si è sempre giustizialisti. Bisogna finirla di utilizzare due pesi e due misure. Bisogna ricordarsi che per tutti vige il principio di non colpevolezza fino a sentenza passata in giudicato. Ci sono poi ragioni di opportunità politica, ma anche queste devono valere per tutti.

Non è più possibile che ci siano distinzioni non fra reati e indagini, ma solo fra chi è indagato o imputato di un determinato partito. E di certo i 5Stelle ora non possono fare le verginelle, avendo impedito il processo a Salvini ed essendosi alleati con un partito che ha truffato lo Stato per 49 milioni di euro di rimborsi elettorali fasulli.

Vedremo se il caso Siri farà cadere il governo o se anche questa volta sarà il semplice giochino elettorale. Più probabile la seconda. Anche perché Di Maio sa benissimo che al governo non ci andrà più. Ehi Siri, ora dicci: che cos’è una tangente?

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Cdm, via libera allo Sblocca-cantieri. Conte: ‘Già bollinato, domani in Gazzetta’. Ok al dl Calabria sulla sanità regionale

next
Articolo Successivo

Def, via libera da Camera e Senato: disinnesco aumenti Iva con spending review. Tria: “Misure in legge di bilancio”

next