Da San Ferdinando, dove si è recato stamattina per visitare la nuova tendopoli dei migranti, il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, replica a Luigi Di Maio in merito all’inchiesta sul sottosegretario Armando Siri. Il leader della Lega prima ha detto che non commenta un’indagine “che non conosco”, e poi ha dichiarato che Siri “sarebbe indagato per una cosa che non è stata fatta. Lo conosco come una persona corretta”.
Salvini, inoltre, ha attaccato il M5s che ha chiesto le dimissioni del sottosegretario della Lega: “Se arriva la condanna per carità di Dio. Ma Raggi si è dimessa da indagata? Quanti esponenti Cinque Stelle sono stati indagati e sono rimasti a loro posto. Mi sembra che ci sia anche qualche candidato alle europee indagato e giustamente rimane candidato”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ue, standing ovation per l’eurodeputato sloveno che saluta i colleghi in maniera decisamente fuori dal comune

next
Articolo Successivo

Clima, Greta Thunberg in Senato: “Non vogliamo selfie e complimenti, vogliamo che agiate”

next