“Ci mancherà questa voce diventata ormai bandiera dell’universo radicale e pannelliano.  Voce e penna tagliente pure con la rubrica quotidiana che alimentava sulla carta stampata, non sempre condivisibile da parte di chi parla, ma preziosa ed elemento di ricchezza per il nostro panorama informativo ancora carente”. È il ricordo pronunciato in Senato da Primo Di Nicola (ex giornalista e oggi parlamentare del Movimento 5 stelle), che in Aula ha voluto rendere omaggio a Massimo Bordin, storica voce e volto di Radio Radicale morto ieri all’età di 67 anni 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Firenze, i 5 Stelle si spaccano sulla candidatura di De Blasi alle Comunali: rischio scissione o “boicottaggio”

prev
Articolo Successivo

Siri indagato, Di Maio: “Se fatti sono questi, dovrebbe dimettersi. È questione morale, non più tecnico-giuridica”

next