La struttura in legno è stata ridotta in cenere, la guglia è crollata, il tetto è stato distrutto e molte vetrate sono andate in frantumi. Nunez ha fatto riferimento a “vulnerabilità” riscontrate nella volta e dovrà essere verificata la stabilità della struttura portata, salvata dalle fiamme. La situazione sarà più chiara quando sarà stata completata la messa in sicurezza, nell’arco di circa 48 ore. I tre rosoni apparentemente non hanno subito danni rilevanti. Analoga considerazione può essere espressa per i due campanili. Nei giorni scorsi, erano state rimosse 16 statue di rame, destinate ad essere restaurate e restituite alla cattedrale nel 2021. Salvi anche i tesori di Notre-Dame, tra i quali la corona di spina di Cristo, portati all’esterno da una catena umana di vigili del fuoco

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Incendio Notre-Dame, iniziata la raccolta fondi. Le donazioni private per la ricostruzione superano già i 600 milioni

next
Articolo Successivo

Notre-Dame, l’esperto del Mibac: ‘Con una manutenzione costante, interventi meno invasivi: così si fa vera prevenzione’

next