Lunedì sera il presidente francese Emmanuel Macron ha annunciato che Notre Dame “risorgerà” perché è la nostra storia. Si tratterà di un progetto estremamente lungo e costoso. Il ministro della Cultura, Franck Riester, ipotizza un iter di anni, che secondo diversi esperti non saranno meno di 10-20. In poche ore, sono stati raccolti oltre 600 milioni di euro per ricostruire la cattedrale. Rilevante, in particolare, il contributo dei grandi gruppi transalpini attivi nel settore del lusso da Pinault a L’Oreal. E anche la Confindustria francese (Medef) ha lanciato un appello ai suoi iscritti, mentre la Bce ha assicurato uno sforzo per far rinascere il capolavoro gotico.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Incendio Notre-Dame, iniziata la raccolta fondi. Le donazioni private per la ricostruzione superano già i 600 milioni

next
Articolo Successivo

Notre-Dame, l’esperto del Mibac: ‘Con una manutenzione costante, interventi meno invasivi: così si fa vera prevenzione’

next