Le fiamme che hanno devastato la cattedrale di Notre-Dame sono state spente. Nel ‘day after’ si cominciano a cercare le risposte ad una serie di domande sul rogo che nel pomeriggio di lunedì ha devastato il capolavoro gotico, incenerendo il tetto e facendo crollare la guglia. Mentre i colossi francesi del lusso hanno deciso di partecipare alla ricostruzione donando già oltre 600 milioni e la magistratura ha schierato i suoi 50 investigatori migliori per andare a caccia delle cause dell’incendio che ha cancellato 850 anni di storia in meno di tre ore. Ecco cinque domande-risposte su quello che è già stato ribattezzato “l’incendio del secolo”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Incendio Notre-Dame, iniziata la raccolta fondi. Le donazioni private per la ricostruzione superano già i 600 milioni

prev
Articolo Successivo

Notre-Dame, l’esperto del Mibac: ‘Con una manutenzione costante, interventi meno invasivi: così si fa vera prevenzione’

next