“I ‘no’ ricevuti dal M5s per la formazione del futuro gruppo nel prossimo Parlamento europeo? Ce la faremo, c’è ancora un mese di tempo. In tutti i paesi Ue stanno nascendo formazioni simili al Movimento 5 stelle dieci anni fa”. A rivendicarlo Luigi Di Maio, capo politico pentastellato e vicepremier, nel corso della presentazione delle cinque candidate capolista alle prossime elezioni Europee. Se le trattative per la formazione del prossimo gruppo sono ancora in stallo, dopo l’annuncio dello stesso Di Maio lo scorso febbraio sui primi quattro possibili alleati, il capo politico del M5s si mostra comunque fiducioso: “Il gruppo si forma dopo le elezioni. Stiamo lavorando, non sarà né di destra né di sinistra. Siederemo in Parlamento con la volontà di fare le cose che servono all’Italia in Europa, con chi ci sta”, ha aggiunto Di Maio.

Per poi rivendicare: “Andiamo in Europa con le idee ben chiare. Essere al governo e poter partecipare al lavoro del Parlamento Ue con un gruppo che sarà ago della bilancia, è sicuramente un vantaggio. Per noi sarà fondamentale il ruolo del commissario all’Industria e alle Imprese“. Ma, replicando a ilfattoquotidiano.it, Di Maio ha aggiunto: “La nomina del Commissario all’Industria “avverrà con un accordo nel governo. Quel nome – ha precisato – non dipenderà dal risultato delle europee“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Europee, le 5 “eccellenze” di Di Maio: tecnologia, formazione, lotta all’austerity e anti-mafia. “Le nostre sfide in Europa”

prev
Articolo Successivo

Umbria, gli arrestati si autosospendono dal Pd. Il neocommissario Verini: “Al di là dell’inchiesta qui bisogna cambiare”

next