“Ormai è tutto in mano ai cinesi, hanno già vinto”, afferma un giovane che prevede per l’Italia un futuro da colonia economica nel mercato globale. “Ma no, l’incremento degli scambi commerciali con la Cina farà il bene del paese”, gli risponde a stretto giro un signore di mezza età. I cinesi, noi e il futuro: di questo siamo andati in strada a parlare con i cittadini. “Non compro mai nei negozi cinesi, vendono prodotti di bassa qualità e non rispettano gli standard europei”, dichiarano alcuni. “Difficile evitare prodotti fatti in Cina, fin quando avranno regole diverse dalle nostre faranno concorrenza sleale alle aziende italiane”, aggiungono altri. Ma in tanti dichiarano di non avere problemi: “I cinesi vengono qui per lavorare e si integrano nella società”. “Sta a noi realizzare prodotti di qualità e venderli nel mondo come fanno loro”. “Si stanno sempre più espandendo in Italia, questo è evidente, ma non mi preoccupa“. E voi che ne dite?

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Roma, chiuso il centro d’accoglienza per donne di Torrenova. Rabbia delle suore: ‘Non sappiamo dove sono state trasferite’

prev
Articolo Successivo

Pedofilia, qualcosa non torna nel contromanifesto di papa Ratzinger

next