“Si comportarono come Francesco Schettino“. La procuratrice generale di Firenze, Luciana Piras, ha paragonato i vertici delle aziende imputate nel processo di appello per la strage di Viareggio al comandante della Costa Concordia, depositando agli atti la sentenza con la quale la Cassazione ha condannato Schettino a 16 anni di carcere. Secondo l’accusa, infatti, i vertici di Rfi, Fs Logistica e delle società tedesche (Jungenthal e Gatx Rail) sono da ritenersi responsabili di condotte omissive nell’incidente che provocò 32 morti, ha affermato Piras nelle repliche seguite alle arringhe dei difensori.

Facendo un parallelo col naufragio del Giglio del 13 gennaio 2012 e citando proprio la sentenza di condanna della Cassazione, la pg ha spiegato che a Schettino non furono date informazioni che avrebbero potuto evitare il disastro e che lui certamente avrebbe dovuto chiederle, così come i vertici di Rfi, Fs Logistica e le società tedesche imputate per la strage ferroviaria del 2009 avrebbero dovuto effettuare le dovute verifiche sui materiali rotabili e sull’infrastruttura.

In un caso come nell’altro, ha proseguito Piras, si fece “affidamento sulla condotta degli altri presumendo che fosse rispettosa delle prescrizioni e capace di evitare rischi”. La posizione gerarchica di Schettino, ha aggiunto Piras proseguendo nel raffronto usato nella sua replica alle difese, “gli dava il potere, di sorveglianza e coordinamento, per imprimere alla nave la condotta salvifica”. Parallelamente, “le società tedesche, alla stessa maniera, avrebbero dovuto verificare gli assili”, e Rfi non avrebbe dovuto accettare che i materiali andassero in circolazione sulla rete ferroviaria senza controllarli.

Lo scorso febbraio, la procura generale di Firenze ha chiesto 15 anni e 6 mesi di condanna per Mauro Moretti, sia come ad di Rfi sia come ad di Fs (per questa parte fu assolto in primo grado dove fu condannato a 7 anni). L’accusa ha chiesto inoltre 14 anni e 6 mesi per Michele Mario Elia (ex ad Rfi) e 7 anni e 6 mesi per Vincenzo Soprano (ex ad Trenitalia). Le richieste tengono conto di sei mesi in meno per la prescrizione di alcuni reati, alla quale Moretti ha annunciato di voler rinunciare. Nella requisitoria Piras aveva ripercorso tutte le criticità di controllo e sicurezza dell’infrastruttura, addebitandole proprio a mancanze gestionali di Fs e Rfi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ignazio Marino, pg della Cassazione chiede l’assoluzione dell’ex sindaco di Roma per il caso scontrini

prev
Articolo Successivo

Testimoni di giustizia, scontro tra 5 Stelle. Deputata Aiello contro sottosegretario Gaetti: “Non ha fatto quanto promesso”

next