“Si comportarono come Francesco Schettino“. La procuratrice generale di Firenze, Luciana Piras, ha paragonato i vertici delle aziende imputate nel processo di appello per la strage di Viareggio al comandante della Costa Concordia, depositando agli atti la sentenza con la quale la Cassazione ha condannato Schettino a 16 anni di carcere. Secondo l’accusa, infatti, i vertici di Rfi, Fs Logistica e delle società tedesche (Jungenthal e Gatx Rail) sono da ritenersi responsabili di condotte omissive nell’incidente che provocò 32 morti, ha affermato Piras nelle repliche seguite alle arringhe dei difensori.

Facendo un parallelo col naufragio del Giglio del 13 gennaio 2012 e citando proprio la sentenza di condanna della Cassazione, la pg ha spiegato che a Schettino non furono date informazioni che avrebbero potuto evitare il disastro e che lui certamente avrebbe dovuto chiederle, così come i vertici di Rfi, Fs Logistica e le società tedesche imputate per la strage ferroviaria del 2009 avrebbero dovuto effettuare le dovute verifiche sui materiali rotabili e sull’infrastruttura.

In un caso come nell’altro, ha proseguito Piras, si fece “affidamento sulla condotta degli altri presumendo che fosse rispettosa delle prescrizioni e capace di evitare rischi”. La posizione gerarchica di Schettino, ha aggiunto Piras proseguendo nel raffronto usato nella sua replica alle difese, “gli dava il potere, di sorveglianza e coordinamento, per imprimere alla nave la condotta salvifica”. Parallelamente, “le società tedesche, alla stessa maniera, avrebbero dovuto verificare gli assili”, e Rfi non avrebbe dovuto accettare che i materiali andassero in circolazione sulla rete ferroviaria senza controllarli.

Lo scorso febbraio, la procura generale di Firenze ha chiesto 15 anni e 6 mesi di condanna per Mauro Moretti, sia come ad di Rfi sia come ad di Fs (per questa parte fu assolto in primo grado dove fu condannato a 7 anni). L’accusa ha chiesto inoltre 14 anni e 6 mesi per Michele Mario Elia (ex ad Rfi) e 7 anni e 6 mesi per Vincenzo Soprano (ex ad Trenitalia). Le richieste tengono conto di sei mesi in meno per la prescrizione di alcuni reati, alla quale Moretti ha annunciato di voler rinunciare. Nella requisitoria Piras aveva ripercorso tutte le criticità di controllo e sicurezza dell’infrastruttura, addebitandole proprio a mancanze gestionali di Fs e Rfi.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ignazio Marino, pg della Cassazione chiede l’assoluzione dell’ex sindaco di Roma per il caso scontrini

next
Articolo Successivo

Testimoni di giustizia, scontro tra 5 Stelle. Deputata Aiello contro sottosegretario Gaetti: “Non ha fatto quanto promesso”

next