“La dirigente scolastica non ha colpe, è il gestore del trasporto che dovrà spiegarci come fosse possibile avere un pregiudicato alla guida di un mezzo con i nostri figli a bordo. Siamo arrabbiati e spaventati”. Questo lo stato d’animo dei genitori dei bambini delle altre classi della scuola media Vailati, a Crema, il giorno dopo la strage tentata da Osseynou Sy, fortunatamente senza gravi conseguenze dopo la mattinata di terrore a bordo del bus su cui viaggiavano 51 giovani alunni.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bus dirottato, il carabiniere: “Battevano sui vetri, paura che qualcuno non fosse uscito. Poi abbiamo fatto l’appello”

next
Articolo Successivo

Bus incendiato, Ousseynou Sy: “Volevo dare segnale all’Africa”. Chiesta perizia psichiatrica, confermati precedenti penali

next