La storia è nota. Rita Pavone, dopo aver definito Greta Thunberg “un personaggio da film horror” e aver suscitato una giusta ondata di indignazione si è scusata dicendo: “Ho fatto una gaffe enorme perché non sapevo che avesse la sindrome di Asperger, nessuno l’ha detto mai in televisione. Io mi ricordavo la ragazzina con le treccine di un film e ho detto che mi metteva a disagio. Non direi mai una cosa così e trovo cattivo…”. Tutto questo è avvenuto su Twitter che, come sappiamo, lascia tracce difficili da cancellare.

E così Heather Parisi fa notare che Lorella Cuccarini aveva messo un like proprio al primo tweet di Rita Pavone, quello in cui definiva Greta “da film horror”. “La diffidenza, il disprezzo nei confronti del diverso, la paura dell’estraneo e la tendenza a sentirsi meglio degli altri, sono sintomi inequivocabili di razzismo. A Greta Thunberg è stata diagnosticata sindrome Ausberger e OCD. Provo vergogna per Rita Pavone e chi ha messo like”, scrive la ex ballerina che vive a Hong Kong in un tweet.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Chi vuol essere milionario, Gerry Scotti in lacrime per paura di aver sbagliato un suggerimento

prev
Articolo Successivo

Ragazzino non vuole fare la doccia, la mamma gli dà due ceffoni: condannata a due mesi di carcere

next