Il ragazzino non vuole fare la doccia e la mamma gli dà due schiaffi. Succede in Spagna dove la Corte di Pontevedra ha condannato la donna a due mesi di carcere per aggressione. In più, la madre dovrà stare lontana almeno 200 metri dal figlio. Secondo la donna, il fatto di aver dato due schiaffi in faccia al ragazzino di 10 anni che non voleva lavarsi è un gesto educativo che la Corte ha invece considerato un reato. Il rossore nelle guance del figlio è stato considerato prova dei ceffoni. La motivazione della sentenza? Il potere correttivo dei genitori deve essere esercitato in modo adeguato e non deve ledere il minore. Il ceffone è stato lesivo e l’atteggiamento del genitore deve essere punito.

 

 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Lorella Cuccarini e il like al tweet di Rita Pavone su Greta Thunberg. Heather Parisi: “Provo vergogna per loro”

prev
Articolo Successivo

Luke Perry è stato cremato, le ceneri disperse nella sua fattoria

next