Il suo broncio, le sue trecce e le sue verdi hanno colpito tutto il mondo. Greta Thunberg, 16enne svedese, ispiratrice dello ‘sciopero della scuola per il clima‘, è stata candidata per il Nobel per la Pace di quest’anno. “Abbiamo proposto Greta Thunberg perché il cambiamento climatico, se non verrà fermato, sarà la causa principale di guerre, conflitti e flussi di rifugiati in futuro“, ha detto il deputato norvegese Freddy André Ovstegård, uno dei tre politici che hanno lanciato la proposta, “Greta Thunberg ha lanciato un movimento di massa in cui vedo, forse, il principale contributo alla pace”.

La ragazzina è diventata una musa ispiratrice nella lotta contro il cambiamento climatico. In particolare, ha sollecitato uno sciopero globale da parte degli studenti, domani, per chiedere un’azione più forte per combattere il cambiamento climatico. “È ovviamente un onore essere tenuta in tale considerazione“, ha detto la ragazza al quotidiano svedese Aftonbladet, “è sorprendente e un po’ strano”.  Il suo nome è stato proposto da tre deputati della sinistra socialista norvegese prima della scadenza del 31 gennaio, ha spiegato Ovstegård, il che significa che la sua candidatura è valida per il Premio Nobel per la Pace 2019, che verrà assegnato l’11 ottobre. Secondo il Nobel Institute, 304 persone e organizzazioni sono state nominate quest’anno per il prestigioso riconoscimento, una lista che rimane segreta per almeno 50 anni in conformità con gli statuti della fondazione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Inquinamento, 250 scienziati dell’Onu: “Rischio milioni di morti. E’ possibile un altro sviluppo, ma la politica si muova”

prev
Articolo Successivo

Greenpeace in azione per il clima: “Basta con il governo del cambiamento climatico. Esecutivo protegga l’ambiente”

next