Infiltrazioni di un gruppo legato al clan Santapaola-Ercolano nelle scommesse online. Sono state chiuse le indagini della Dda di Catania nei confronti di 99 indagati. L’inchiesta – che aveva portato all’arresto di 28 persone – si basa su indagini di Guardia di finanza, Scico delle Fiamme gialle, carabinieri del comando provinciale e della sezione Anticrimine dell’Arma sul gruppo dei fratelli Carmelo, Giuseppe Gabriele e Vincenzo Placenti.

I reati contestati, a vario titolo, sono associazione mafiosa e a delinquere, esercizio abusivo di attività di gioco e scommesse e intestazione fittizia di beni. Sarebbero connessi alla gestione illecita d’imprese, in Italia e all’estero (Antille Olandesi-Curacao, Albania, Malta, Regno Unito e Seychelles), dedite all’acquisizione di licenze e concessioni governative utilizzate per le attività di giochi e scommesse a distanza, aggirando le normative fiscale e antiriciclaggio. Emerse anche violazioni delle misure di prevenzione patrimoniali con l’intestazione fittizia di beni e società. Contestati anche delitti contro il patrimonio e commessi per acquisire la gestione o comunque il controllo diretto ed indiretto delle attività imprenditoriali attive nel settore dei giochi e scommesse a distanza in Sicilia e la corruzione elettorale.

Tra gli indagati anche l’ex vicesindaco di Misterbianco, Carmelo Santapaola, accusato di associazione per delinquere e di avere “raccolto scommesse clandestine in contati per 25.800 euro” e di “avere agito al fine di agevolare la famiglia Santapaola-Ercolano”. L’ex vice sindaco si è dimesso e la Prefettura di Catania ha avviato un’ispezione al Comune di Misterbianco.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Operazione Kerkent, 32 arresti ad Agrigento: colpito traffico di droga. Tra loro capo-ultrà Juve e 2 accusati di stupro

next
Articolo Successivo

Corleone, dal comune soldi al film sul delitto Mattarella. Cittadini contrari (anche ex candidato M5s): ‘Fango su città’

next