LE REAZIONI DEL COMPARTO AUTOMOTIVE – Costruttori e associazioni di categoria come Federauto, Unrae e Anfia in una nota congiunta avevano protestato per non aver ancora ricevuto alcun tipo di indicazione sulle modalità operative con cui verrà attuato il nuovo bonus/malus. Ma a parte i chiarimenti (arrivati come detto tardivamente e parzialmente) sul piano normativo, le preoccupazioni sono anche “circa le ripercussioni sul mercato e sull’operatività delle imprese”. La proposta, si legge nella nota stessa, è dunque quella di “approfondire e delineare un piano integrato e organico di promozione della mobilità a basse emissioni, dell’infrastrutturazione per la ricarica dei veicoli e per il rinnovo del parco circolante più inquinante, che sia coordinato con le politiche locali e coerente con quelle europee”. Inoltre, l’agevolazione per l’acquisto di auto elettriche potrebbe davvero portare beneficio solo ai costruttori esteri, come fa notare Alberto Dal Poz, presidente di Federmeccanica: “ci facciamo del male. E’ una fastidiosa tassa, che agevola le vetture fatte in Cina o negli Stati Uniti e penalizza quelle fatte in Italia”, un mercato che a conti fatti si trova ancora nella fase ‘esplorativa’ dell’elettrico. “Puntare solo sulle agevolazioni alla mobilità elettrica”, prosegue Dal Poz, “quando le batterie non sono fatte in Europa e solo una piccolissima parte è prodotta in Europa, non significa fare il bene dell’industria italiana ed europea”.

INDIETRO

Ecobonus e ecotassa 2019, cosa sono e come funzionano le nuove norme. Le reazioni di costruttori e associazioni

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ferrari F8 Tributo, l’ultima delle supercar tradizionali italiane debutta a Ginevra – FOTO

next
Articolo Successivo

Dacia, fuori la grinta. Arrivano gli allestimenti Techroad su tutta la gamma – FOTO

next