ECOTASSA: COS’E’ E COME VA PAGATA – A tutte le auto immatricolate a partire dal 1° marzo 2019 e fino al 31 dicembre 2021, sarà applicato un tributo che va da 1.100 euro a 2.500 euro, in base alle emissioni di anidride carbonica (CO2) dichiarate dal costruttore del veicolo ed eccedenti i 160 g/km. Queste sono divise in quattro fasce diverse: da 161 a 175 g/km (1.100 euro), da 176 a 200 (1.600 euro), da 201 a 250 (2.000 euro) e oltre i 250 grammi al chilometro (2.500 euro). Il pagamento dovrà avvenire tramite modello F24, con lo specifico codice tributo “3500”, nello stesso giorno in cui l’auto viene immatricolata, pena sanzioni progressive a seconda del numero di giorni di ritardo. L’ecotassa, tuttavia, non sarà applicata a mezzi di soccorso e vetture speciali come ad esempio camper, veicoli blindati o altri utilizzati per il trasporto di sedia a rotelle.

INDIETRO

Ecobonus e ecotassa 2019, cosa sono e come funzionano le nuove norme. Le reazioni di costruttori e associazioni

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ferrari F8 Tributo, l’ultima delle supercar tradizionali italiane debutta a Ginevra – FOTO

next
Articolo Successivo

Dacia, fuori la grinta. Arrivano gli allestimenti Techroad su tutta la gamma – FOTO

next