Tra attacchi delle opposizioni, sfottò e proteste da parte di Pd e Forza Italia contro la maggioranza M5s-Lega, in Aula sono andate avanti le votazioni sugli emendamenti del decretone su quota 100 e reddito di cittadinanza. “Siete degli illusionisti, dei prestigiatori. Questo provvedimento non è contro la povertà, creerà più poveri”, ha attaccato il senatore Pd Mauro Laus. Non è stato l’unico tra i banchi dem, dove si è rivisto pure Matteo Renzi. “Il decreto non crea posti di lavoro, gli imprenditori vogliono lo sblocco delle opere come la Tav”, ha rivendicato invece Forza Italia. La seduta è andati avanti tra polemiche, bagarre e pure richieste di pausa caffè: “Si può sospendere l’Aula per dieci minuti…?”, è la richiesta partita dai banchi di Fdi, accolta con un’ovazione, tra sarcasmo e ironia. Più volte, invece, la presidente Casellati ha dovuto riprendere l’Aula: “Basta con le fotografie, se siete stanchi sospendiamo la seduta”, ha sbottato dopo diverse ore, a fine serata. Ma il clima è rimasto incandescente, tra attacchi incrociati, in attesa del voto finale al Senato, previsto per la seduta successiva.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ddl Pillon, Grasso: “Va ritirato. Orribile tassello di una regressione più vasta”. Stoccata a Raggi su Casa delle Donne

next
Articolo Successivo

Elezioni Sardegna, tre “impresentabili” eletti in Regione: sono imputati per droga, riciclaggio e concussione

next